La fine di un’era a Forte dei Marmi?

Una sentenza che spaventa e minaccia gli equilibri che hanno permesso a questa località di affermarsi come punto di riferimento dell’ospitalità balneare

Dopo varie procedure di infrazione ricevute della UE, il Consiglio di Stato, il 9 novembre 2021 con le sentenze n. 17 e 18, ha stabilito che le concessioni balneari saranno prorogate fino al 31 dicembre 2023.

Dal 1 gennaio 2024 le concessioni saranno sottoposte a gara, nonostante qualsiasi eventuale ulteriore proroga legislativa che dovesse nel frattempo intervenire, la quale andrebbe considerata senza effetto perché in contrasto con le norme dell’ordinamento dell’U.E.

Non ci soffermeremo su ciò che è giusto o meno, sui bassi canoni e gli alti ritorni, ogni concessione ha la sua storia, ci sarà chi la detiene da generazioni, chi ha investito cifre importanti per rinnovare lo stabilimento, magari lo scorso anno, chi è subentrato da poco versando grandi capitali.

Forte dei Marmi e lo smarrimento dovuto alla sentenza

Il gestore del bagno è un punto di riferimento per il villeggiante, rapporto che si è consolidato negli anni.

Forte dei Marmi è da sempre una pietra miliare per l’ospitalità balneare, aspetto che ha certamente contribuito alla crescita del brand e rientra senza nessun dubbio nei cardini del successo.

Non ci sarà un passaggio come a volte capita dove il vecchio gestore informa il nuovo di tutti i dettagli, il 31 dicembre 2023 si cambia.

Ci sarà una rivoluzione su tutto il litorale, la speranza è che sia il meno dolorosa possibile, la certezza è che cambierà il volto di questa realtà, centrale nel cuore di Forte dei Marmi.

Sull’altro piatto della bilancia possiamo anche dire che il pubblico che frequenta il Forte è sempre pronto alle novità e capace di recepire i cambiamenti, ancora di più oggi con quello che abbiamo e stiamo ancora vivendo che ci ha portato a vivere situazioni impensabili.

Bisogna attendere le direttive del bando, per capire se saranno solo le capacità economiche o anche i requisiti professionali a fare la differenza.

Dopo la pandemia, che aveva generato incertezze ed invece ha alzato il valore di questa località, ora nuovamente tutto viene messo in discussione ma ci vuole un buon regista che consenta a questo choc di aprire una nuova stagione nel segno della certezza.

Sentenza stabilimenti balneari e Forte dei Marmi-The Dream RE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Non fermarti qui

potrebbe interessarti anche

non perderti niente sull'immobiliare di lusso e il mondo the dream!